Il nuovo scaldabagno in pompa di calore Acquazenit si presenta con un display touch e prestazioni elevate: campo di lavoro da -7°C a +35°C e COP 3,1 secondo EN 16147.
Acquazenit utilizza l’energia termica dell’aria per la produzione di acqua calda ad uso sanitario.
La facilità d’installazione,il funzionamento silenzioso e affidabile e la ridottissima necessità di manutenzione, completano i vantaggi di questo sistema altamente ecologico in grado di produrre acqua calda sanitaria a 75°C.

I VANTAGGI

Acquazenit 80-120 (da +7°C a + 35°C) Acquazenit E 80-E 120 (da -7°C a + 35°C)

  • Fonte rinnovabile adatta per la copertura dei fabbisogni di ACS (DL 28/2011)
  • Programmazione oraria di serie con tre fasce orarie per periodo: per gestione notturna o in caso di impianto fotovoltaico
  • Display con indicatore di carica di temperatura del bollitore
  • Funzione “Turbo” mediante due resistenze elettriche da 1kW con disattivazione automatica
  • Elevata silenziosità
  • Isolamento in poliuretano espanso
  • Anodo al magnesio anticorrosione
  • Temperatura massima ACS 75°
  • Canalizzabile fino a 15m
  • Predisposizione per condotti circolari da 125 mm o rettangolari da 150 x 70 mm
  • Prodotto idoneo per sostituire scaldabagni elettrici ad accumulo
  • Ottima soluzione anche in presenza di impianti fotovoltaici
  • Condensatore avvolto esternamente: nessuna contaminazione dell’acqua da parte del fluido refrigerante
  • Bollitore da 80 o 120 litri in acciaio smaltato
  • Fluido refrigerante R134a
  • Ciclo antilegionella

LA TECNOLOGIA E IL RANGE DI FUNZIONAMENTO

Le pompe di calore Acquazenit sono un prodotto particolarmente silenzioso rispetto a prodotti analoghi esistenti sul mercato ed hanno un ampissimo campo di lavoro.
Possono anche essere utilizzate al di fuori del loro range di funzionamento grazie alla presenza di serie di due resistenze elettriche.

FUNZIONAMENTO NEL CAMPO DI LAVORO

Nel normale funzionamento in pompa di calore Acquazenit riscalda l’acqua sanitaria fino ad una temperatura massima di 55°C consentendo un enorme risparmio energetico grazie ai COP particolarmente elevati.

FUNZIONAMENTO AL DI SOTTO DEL CAMPO DI LAVORO

Se la temperatura dell’aria all’ingresso scende al di sotto di +7°C per le versioni Acquazenit o al di sotto di -7°C per le versioni Acquazenit E, si attivano le resistenze elettriche per continuare la produzione di acqua calda sanitaria fuori dai limiti di funzionamento in pompa di calore.

IL DISPLAY

L’ampio Display Touch Screen consente la visualizzazione degli stati di funzionamento, la visualizzazione dei messaggi di allarme, l’attivazione delle funzioni speciali (es. funzione Turbo) e la programmazione delle fasce orarie di funzionamento.

  • Indicazione guasti
  • Visualizzazione e impostazione della temperatura dell’acqua
  • Inserimento e impostazione del programma “Vacanze”
  • Giorno della settimana
  • Riduzione valore numerico del parametro da impostare
  • Accensione/spegnimento della pompa di calore
  • Aumento valore numerico del parametro da impostare
  • Inserimento e impostazione “Timer”
  • Visualizzazione e impostazione ora
  • Attivazione funzione “Turbo” (riscaldamento accelerato)
  • Indicazione di funzionamento delle resistenze elettriche
  • Inserimento funzione riscaldamento al livello massimo di temperatura
  • Indicazione di funzionamento del compressore
  • Indicazione di funzionamento del programma antilegionella
  • Visualizzazione quantità di acqua calda
  • Indicazione di attivazione funzione sbrinamento
  • Indicazione di funzionamento di ventilatore

 

L’EFFICENZA è DI CASA CON BERETTA

Le nuove pompe di calore Acquazenitsono la soluzione monoblocco ecologica per produrre acqua calda sanitaria in quanto assorbono il calore dall’aria per scaldare il bollitore ad esse associato (80 o 120 litri) e grazie ad un COP di 3,1 (secondo EN 16147) sono considerate altamente performanti.
Trovano applicazione sia nella sostituzione di bollitori elettrici, sia nelle villette con impianti autonomi, sia negli edifici con impianti termici centralizzati dove è possibile installarle nelle singole unità abitative.
L’utilizzo di Acquazenit consente la copertura del 50% del fabbisogno di acqua calda sanitaria con energie rinnovabili ed è quindi una soluzione possibile in alternativa al solare termico.

ADATTE PER OGNI CLIMA

Le pompe di calore Acquazenit possono lavorare in condizioni ottimali anche a basse temperature dell’aria e hanno un ridottissimo impatto ambientale in termini di CO2 equivalente.
Le versioni Acquazenit E hanno un campo di lavoro molto ampio (da -7°C a +35°C) con prestazioni particolarmente elevate e possono prelevare l’aria dall’esterno.
Le versioni Acquazenit sono ideate per lavorare con temperature più miti (da +7°C a +35°C) a parità di tipologia di installazione o in alternativa possono prelevare l’aria dall’ambiente in cui sono installate purchè ci siano i volumi minimi e ci sia il reintegro del calore sottratto in modo da non modificare le condizioni di comfort dell’ambiente stesso.

 

 

IDONEO ANCHE CON IMPIANTI FOTOVOLTAICI

L’inserimento dello scaldabagno a pompa di calore Acquazenit in un edificio con impianto fotovoltaico adeguatamente dimensionato permette di sfruttare meglio l’energia elettrica prodotta con un beneficio che, per via delle regole di “scambio sul posto” con la rete, equivale ad una riduzione del costo dell’energia elettrica.
Acquazenit essendo una pompa di calore in grado di recuperare e trasferire all’acqua il calore presente nell’aria si può considerare in base all’attuale normativa (DL 28/2011) una fonte rinnovabile ed è quindi adatta per la copertura del 50% dei fabbisogni di acqua calda sanitaria.
Facile da installare, silenziosa e con elevate prestazioni è una valida alternativa al solare termico in tutte le situazioni in cui risulta difficoltoso occupare i tetti delle abitazioni.
Le elevate prestazioni in termini di COP della pompa di calore Acquazenit, nel caso di sostituzione di uno scaldabagno, cioè in edifici residenziali già esistenti, permettono l’accesso alle detrazioni fiscali per la riqualificazione energetica e alle detrazioni per ristrutturazione fino al prorogarsi di tali incentivi e nelle modalità previste dalle norme.
In alternativa alle detrazioni fiscali, e quindi non cumulabili, è possibile accedere all’incentivo in conto capitale previsto dal “Conto Energia Termico” ed erogato dal GSE (ente Gestore Servizi Energetici).
Acquazenit è il frutto dell’impegno concreto di Beretta verso un futuro sempre più ecosostenibile.
Per questo Acquazenit già oggi è ErP-Ready: una soluzione per qualsiasi esigenza installativa e di comfort legata al residenziale autonomo e al centralizzato.
In un catalogo completo ed in continua evoluzione con tantissime proposte ErP-Ready Acquazenitè la soluzione ideale per la produzione di ACS nel caso di mera sostituzione, di riqualificazione energetica, di ristrutturazione o nuova edilizia.
Grazie alla programmazione oraria dal Display Touch le pompe di calore Acquazenit sono la soluzione ideale anche in abbinamento ad un impianto fotovoltaico perché consentono di utilizzare l’energia elettrica gratuita prodotta dai pannelli.
La stessa programmazione oraria è utilissima anche in assenza di impianto fotovoltaico perché permette il funzionamento nelle ore a minore costo di energia elettrica (tipicamente la notte nel caso di tariffe bi-orarie).

Pompa di calore Beretta Acquazenit
Pompa di calore sanitaria murale